Cos’è la Mindfulness

“Essere mindful” significa essere completamente consapevoli di ciò che accade nel momento  presente, in modo opposto alla comune esperienza di essere in balia di pensieri che ci riportano nel passato o ci proiettano  nel futuro, consentendoci raramente di essere presenti, nel qui e ora.

Sebbene la Mindfulness affondi le sue radici nella tradizione contemplativa buddhista, il suo utilizzo per la promozione della salute è iniziato negli anni ’70, per opera del medico statunitense Jon Kabat-Zinn.

Mindfulness è la consapevolezza che sorge dal prestare attenzione al momento presente, in modo intenzionale e non giudicante (Kabat-Zinn, 1990).

La Mindfulness, può essere coltivata attraverso le pratiche di meditazione e di consapevolezza, prestando attenzione al respiro, alle sensazioni corporee, alle emozioni e ai pensieri con un’attitudine di apertura, non giudizio e curiosità.

Guardare i pensieri, le emozioni, le sensazioni del corpo, per quello che sono, senza volerli modificare, salutandoli con gentilezza, ci permette di affrontare ogni esperienza in modo nuovo.

I dati di numerose ricerche mostrano come le persone che praticano Mindfulness regolarmente, traggono numerosi benefici, tra i quali la riduzione dei livelli di stress, ansia e depressione ed una maggiore sensazione di soddisfazione.

Mindfulness in gravidanza

La gravidanza e il diventare genitori possono essere periodi della vita molto intensi e colmi di gioia. Tuttavia i rapidi cambiamenti del corpo, dello stile di vita, delle relazioni, del lavoro e perfino dell’identità possono richiedere dosi di flessibilità ed agilità a cui non siamo abituati.

La gravidanza, essendo un momento di profonda trasformazione, rappresenta un momento favorevole per imparare la Mindfulness e fare esperienza di quanto profondo, trasformativo e utile possa essere coltivare la presenza della mente e del cuore.

Per via della dimostrata efficacia dei protocolli Mindfulness, il suo utilizzo si sta progressivamente estendendo anche in gravidanza.

Alcuni dei benefici riscontrati dai partecipanti di tali protocolli sono:

  • Aumento della fiducia e diminuzione della paura del parto;
  • Potenziamento delle risorse interiori per fronteggiare il dolore;
  • Miglioramento della relazione di coppia;
  • Acquisizione di abilità utili a fronteggiare lo stress;
  • Aumento delle sensazioni di felicità e benessere.

Secondo recenti ricerche, i Programmi di Mindfulness in gravidanza hanno inoltre effetti positivi sul tono dell’umore delle donne: riduzione dell’ansia, dei sintomi depressivi e dello stress post-partum (Vieten & Astin, 2008),oltre ad effettivi positivi nella riduzione del dolore pelvico (Beddoe & all., 2009) e nella regolazione emotiva dei nascituri (Van de Heuvel et al., 2015).

La pratica della Mindfulness in gravidanza può dunque fornire alle future mamme e ai futuri papà strumenti utili per calmare eventuali paure e preoccupazioni ed abbracciare con piena fiducia questo periodo straordinario.

 

Alice Baroni, Psicologa clinica, formata in Mindfulness Integrated Cognitive Behavioural Therapy presso il Mindfulness Institute di Melbourne (Australia) utilizza la Mindfulness in ambito terapeutico e di promozione del benessere con adulti (MICBT), bambini (MEE) e donne in gravidanza (MBCP).

 

Questo contenuto è stato scritto per Psight da Alice Baroni, conduttrice dell’evento del 14 aprile 2018 (presso il centro “Un modo di essere” sito in via Burlamacchi 11 a Milano) dedicato alla pratica della meditazione di consapevolezza.

Per conoscere gli altri eventi dedicati alla gravidanza, leggi la news. 

Contattaci se vuoi avere più informazioni ed i riferimenti di Alice.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *